giovedì 3 aprile 2014

Cu la me lenga

La lingua vuol dire tutto. Tu puoi privare un uomo
della sua casa, egli sarà ancora libero; puoi togliergli
il cibo, il lavoro, la moglie, egli sarà ancora libero; ma
se gli strappi la lingua non sarà più libero.

David Maria Turoldo, Da tempo la terra trema
     
Cu la me lenga, un puc spissada,
roseada cà e là tal manic, i vai
avant, sot chistu clar di luna,
e provi a disfidà sterps e stròpis
ch’a vòlin fami pòura, fami
il sgambèt, dimi di mètimi intôr
peraulis slusignòsis, coloràdis,
intant ch’a mi cres sot i piè
un aga sporcia di fangu...
Cu la me lenga plena di vinciars,
arcassis, poi, vits, i passi pai trois
strès di chista nustra etàt...

Giacomo Vit


Con la mia lingua, un po' appuntita,
rosicchiata qua e là sul manico, vado
avanti, sotto questo chiaro di luna,
e provo a sfidare sterpi e siepi
che vogliono farmi paura, farmi
lo sgambetto, dirmi di indossare
parole luccicanti, colorate,
mentre mi cresce sotto i piedi
un'acqua sporca di fango...
Con la mia lingua densa di salici,
acacie, pioppi, viti, passo per i viottoli
stretti di questa nostra epoca...

2 commenti:

  1. Cara Francesca, come sai un concetto simile ha espresso con forza il siciliano Ignazio Buttitta in LINGUA E DIALETTU

    RispondiElimina